Skip to content

Tag: poezija

World Poetry Day 2019: Katja Gorečan & Aljaž Koprivnikar

Leta 1999 je UNESCO proglasil 21. marec za svetovni dan poezije: tej priznava edinstveno sposobnost za izražanje ustvarjalnega duha človeka. Eden izmed glavnih ciljev tega praznika je tudi podpiranje jezikovne raznolikosti s pomočjo pesniškega izražanja.

Slovenski klub prireja, tokrat v sodelovanju z Društvom slovenskih pisateljev, Javno agencijo za knjigo in Glasbeno matico, tradicionalno matinejo ob svetovnem dnevu poezije. Gosta srečanja, ki bo ob Kosovelovem kipu v tržaškem Ljudskem vrtu v nedeljo, 24. marca, ob 11. uri, bosta pesnica Katja Gorečan in pesnik Aljaž Koprivnikar. Dogodek bo sooblikoval Marij Čuk.

Katja Gorečan ter Aljaž Koprivnikar se dogodka udeležujeta v kontekstu rezidenčnega projekta Odisejevo zatočišče (The Ulysses’ Shelter), v katerem sodelujejo DSP, hrvaška založba Sandorf in grška založba Thraka.

Aljaž Koprivnikar (1987), pesnik in literarni kritik. Njegova poezija je bila objavljena v slovenskih kot tudi mednarodnih literarnih revijah in antologijah ter bila prevedena v angleščino, češčino, grščino, hrvaščino, nemščino in srbščino. Trenutno živi razpet med več mesti; Ljubljano, Berlinom, Prago ter Lizbono. V prvo se vrača soorganizirati mednarodni kritiški simpozij Umetnost kritike, v drugem s Slovenskim kulturnim centrom pripravlja Antologijo mlade slovenske literature v nemškem prevodu, v tretjem kot programski direktor vodi mednarodni literarni festival Microfestival, v zadnji pa poučuje slovensko literaturo na Faculdade de Letras Lisboa.

Katja Gorečan (1989) je zaključila študij primerjalne književnosti in literarne teorije na Filozofski fakulteti v Ljubljani, ter magistrski študij dramaturgije in scenskih umetnosti na Akademiji za gledališče, radio, film in televizijo v Ljubljani. Leta 2012 je izdala pesniško zbirko Trpljenje mlade Hane pri založbi Center za slovensko književnost in leta 2018 je izšel prevod pri založbi Korporacja Ha!art iz Krakowa. Leta 2017 je izdala knjigo Neke noči neke deklice nekje umirajo. Njene pesmi so prevedene in objavljene v večih jezikih in bile vključene v nemško, češko in grško antologijo.

Schermata 2019-03-18 alle 12.54.11

Schermata 2019-03-18 alle 12.53.52

 

Nel 1999 l’UNESCO ha proclamato il 21 marzo come Giornata mondiale della poesia, riconoscendole la capacità unica di catturare lo spirito creativo dell’intelletto umano. Uno degli obiettivi di questa festa è anche il sostegno alla diversità linguistica attraverso l’espressione poetica.

Quest’anno celebreremo la Giornata mondiale della poesia in collaborazione con l’Associazione degli scrittori sloveni (Društvo slovenskih pisateljev) e la Glasbena matica. L’incontro si svolgerà domenica 24 marzo alle 11.00 al Giardino pubblico di Trieste davanti al busto del poeta sloveno Srečko Kosovel. Gli ospiti saranno la poetessa Katja Gorečan e il poeta Aljaž Koprivnikar che converseranno con Marij Čuk.

Il poeta e critico letterario Aljaž Koprivnikar (1987) è stato pubblicato in diverse riviste letterarie internazionali e slovene. Le sue poesie sono state tradotte in inglese, ceco, greco, croato, tedesco e serbo. Vive tra Ljubljana, Berlin, Praga e Lisbona, dove insegna letteratura slovena alla Faculdade de Letras Lisboa.

Katja Gorečan (1989) ha concluso lo studio della letteratura comparata all’Università di Ljubljana. Successivamente ha studiato drammaturgia e arti sceniche all’accademia AGRFT di Ljubljana. Nel 2012 pubblica la sua prima raccolta di poesie intitolata Trpljenje mlade Hane (La sofferenza della giovane Hana), pubblicata anche in polacco nel 2018. Le sue poesie sono state tradotte in svariate lingue e sono presenti in antologie tedesche, ceche e greche.

Unesco

Comments closed

World Poetry Day 2018

Pisci in kritiki, preroki sveta,
odprite oči, saj korajža velja,

Come writers and critics
Who prophesize with your pen
And keep your eyes wide
The chance won’t come again

Venite scrittori e critici
che profetizzate con le vostre penne
e tenete gli occhi ben aperti
l’occasione non si ripeterà

Bob Dylan, The Times They Are A-Changin’,

(Photo by Michael Ochs Archives/Getty Images)
(Photo by Michael Ochs Archives/Getty Images)

 

Leta 1999 je UNESCO 21. marec proglasil za svetovni dan poezije: tej priznava edinstveno sposobnost za izražanje ustvarjalnega duha človeka. Eden izmed glavnih ciljev tega praznika je tudi podpiranje jezikovne raznolikosti s pomočjo pesniškega izražanja.

Slovenski klub prireja, tokrat v sodelovanju s KD Tina Modotti, tradicionalno matinejo ob svetovnem dnevu poezije. Srečanje, ki bo ob Kosovelovem kipu v tržaškem Ljudskem vrtu v nedeljo, 25. marca, ob 11. uri, bo idejno posvečeno 50-letnici revolucionarnega leta 1968 in sodobnim oblikam upora. Sodelujejo kantavtor Ivo Tull, Nicolò Giraldi, Meesam Ali Agha, Gianluca Paciucci, Sanja Širec, Mitja Tretjak in vsi, ki bi radi prebrali nekaj svojih ali izposojenih verzov.

kosovel

Nel 1999 l’UNESCO ha proclamato il 21 marzo come Giornata mondiale della poesia, riconoscendole la capacità unica di catturare lo spirito creativo dell’intelletto umano. Uno degli obiettivi di questa festa è anche il sostegno alla diversità linguistica attraverso l’espressione poetica.

Quest’anno celebreremo questa giornata in collaborazione con l’associazione Tina Modotti domenica 25 marzo alle 11.00 al Giardino pubblico di Trieste davanti al busto del poeta sloveno Srečko Kosovel. L’evento di quest’anno sarà dedicato al cinquantennale dei movimenti del 1968. Collaboreranno il cantautore Ivo Tull, Nicolò Giraldi, Meesam Ali Agha, Gianluca Paciucci, Sanja Širec, Mitja Tretjak. Il microfono sarà a disposizione di chiunque vorrà poregere ai presenti alcuni versi, propri o presi in prestito.

Comments closed

Mattinata Sabbiosa: pesnik Milan Jesih v Trstu

V četrtek, 16. novembra, ob 18. uri vabljeni v Tržaško knjižno središče na predstavitev dvojezične zbirke Mattinata sabbiosa, prve samostojne izdaje Milana Jesiha v italijanščini, ki je izšla pri založbi Franco Puzzo Editore, uredil pa jo je Roberto Dedenaro. Z avtorjem se bo pogovarjala prevajalka Darja Betocchi. Pesmi bo prebirala igralka Nikla Petruška Panizon.

Jesih je izrazita in pomembna osebnost v sodobni slovenski književnosti, za svoje pesništvo je prejel številna priznanja, med katerimi izstopa Prešernova nagrada. Pomemben izraz njegove ustvarjalnosti je tudi njegov prevajalski opus iz ruščine in angleščine. Jesihov pesniški ugled se opira na zbirke Soneti (1989), Soneti, drugi (1993) in Jambi (2000), v katerih se izkazuje njegovo preigravanje tradicionalnih pesniških obrazcev v tankočutnem modernem ključu, z ironijo in elegičnostjo obenem, z vsakdanjo predmetnostjo in prek sanjskega sveta, ob vzorcih iz slovstvenega kanona do zgledov ljudske ustvarjalnosti. Človeško snov Jesih ubeseduje z značilnim nasmeškom, z otroškim čudenjem, kdaj tudi z trpkim priokusom.
Za omenjenimi zbirkami so se zvrstile še druge, ki vsakokrat potrjujejo veljavo pesnika: ta čas je izšla obsežna izvirna zbirka Maršal in bila deležna pozornosti kritike in bralcev.

23471944_1393448007443937_2620883094275942291_n
Giovedì 16 novembre alle ore 18.00 si terrà al Centro triestino del libro la presentazione della raccolta poetica bilingue Mattinata sabbiosa del poeta contemporaneo sloveno Milan Jesih, trattasi della prima opera di Jesih edita in lingua italiana (orredata anche dei testi originali), pubblicata da Franco Puzzo Editore e curata da Roberto Dedenaro. Converserà con l’autore la traduttrice Darja Betocchi.

Milan Jesih è considerato uno dei più rilevanti poeti sloveni contemporanei. Nato nel 1950 a Lubiana, Jesih, che è noto anche come ottimo traduttore dal russo e dall’inglese, è stato insignito dei più importanti riconoscimenti letterari sloveni , tra cui anche il prestigioso premio Prešeren. Nelle sue liriche – celebri soprattutto le raccolte Soneti (1989), Soneti, drugi (1993) e Jambi (2000) – Jesih coniuga con estrema raffinatezza tradizione formale e innovazione, ironia e sentimento elegiaco della vita, realismo e sogno, reminiscenze letterarie della tradizione aulica e cultura popolare, il tutto soffuso di un divertito e talvolta disincantato umorismo.
Le raccolte suddette sono state seguite da altre che hanno immancabilmente confermato il valore letterario di Jesih: recentemente è stata edita la silloge Maršal (Maresciallo), anch’essa favorevolmente accolta sia dalla critica sia dai lettori.

Comments closed

World Poetry Day: Meni je lep ta svet / A me piace questo mondo

Leta 1999 je UNESCO 21. marec proglasil za svetovni dan poezije: tej priznava edinstveno sposobnost za izražanje ustvarjalnega duha človeka. Eden izmed glavnih ciljev tega praznika je tudi podpiranje jezikovne raznolikosti s pomočjo pesniškega izražanja.

Tudi letos se bomo temu prazniku, ki nam je zelo pri srcu, poklonili v tržaškem Ljudskem vrtu. V nedeljo, 26. marca, bo ob 11. uri dvojezično branje pesmi – v slovenščini jih bo brala pesnica in igralka Saša Pavček, v italijanščini pa Nikla Panizon.

Prisluhnili bomo stihom iz dvojezične pesniške zbirke Meni je lep ta svet / A me piace questo mondo, ki je izšla pri Založništvu tržaškega tiska, za izbor pesmi in prevod je poskrbela Jolka Milič. Podnaslov te posebne troedine pesniške zbirke bi se lahko glasil “poezija kot genetski zapis”: v njej se namreč s prepletanjem pesmi ponovno srečajo oče Tone, velikan slovenske poezije, in njegova otroka, Marko in Saša.

schermata-2017-03-22-alle-10-55-08Saša Pavček

Meni je lep ta svet – A me piace questo mondo / Foto: Tone Stojko

Nel 1999 l’UNESCO ha proclamato il 21 marzo come Giornata mondiale della poesia, riconoscendole la capacità unica di catturare lo spirito creativo dell’intelletto umano. Uno degli obiettivi di questa festa è anche il sostegno alla diversità linguistica attraverso l’espressione poetica.

Anche quest’anno celebreremo questa giornata che ci sta particolarmente a cuore con una lettura di poesie bilingue che si terrà domenica 26 marzo alle 11.00 al Giardino pubblico di Trieste. Sarà con noi l’attrice e poetessa Saša Pavček che leggerà le poesie in sloveno, in italiano invece verranno lette da Nikla Panizon.

Potrete sentire alcuni versi che compongono la silloge bilingue Meni je lep ta svet / A me piace questo mondo, edita da ZTT – Editoriale stampa triestina, curata e tradotta da Jolka Milič. Il sottotitolo della raccolta potrebbe essere “la poesia nel codice genetico”, in questa infatti si riincontrano, attraverso un intreccio di composizioni poetiche, il padre, Tone Pavček, gigante della poesia slovena, e i suoi figli, Marko e Saša.

Comments closed

Febbraio: il mese della cultura slovena

Programma nuovo, missione invariata: offrire alla comunità triestina la possibilità di scoprire l’anima slovena di una città multiculturale e multietnica come Trieste. Ritorna anche quest’anno la IV edizione della rassegna La cultura torna al centro: il mese della cultura slovena in città, coorganizzata con il Gruppo/Skupina 85. Una serie di incontri, dibattiti, visite guidate (tutti in italiano) per omaggiare la cultura slovena e avvicinarla alla città.

MeseCultSlo2017ITA

Ma perché proprio febbraio? Questo è il mese della cultura slovena per eccellenza: l’8 febbraio si festeggia la Giornata della cultura slovena, festa nazionale in Slovenia in onore del poeta France Prešeren (1800-1848), autore dell’inno sloveno. In occasione di questa giornata a Lubiana vengono consegnati i prestigiosi Premi Prešeren – il maggiore riconoscimento sloveno in ambito culturale, mentre in molte realtà slovene del Friuli Venezia Giulia si organizzano piccoli e grandi eventi culturali.

E proprio il poeta triestino Miroslav Košuta, insignito nel 2011 del premio Prešeren, sarà tra i protagonisti del primo evento in programma sabato 11 febbraio alle 18.30 alla Casa del Popolo di via Ponziana 14. Una serata dal titolo Questa Trieste è come una fede immortale (da un famoso verso dello stesso Košuta) e all’insegna della poesia slovena, con letture in lingua originale e in traduzione italiana. Il tutto intermezzato da canti popolari sloveni eseguiti da un gruppo di giovani violinisti. L’evento è organizzato in collaborazione con l’Associazione culturale Tina Modotti e la scuola di musica Glasbena matica.

Il giorno seguente, domenica 12 febbraio, sarà la volta di una visita guidata alla scoperta della Trieste slovena e multietnica. Partenza alle 10.30 dalla cattedrale di San Giusto per intraprendere il percorso storico-artistico-letterario Trieste duale, Trieste plurale, lungo il quale Patrizia Vascotto porterà a scoprire alcuni luoghi cari alla comunità slovena. Una passeggiata che terminerà dopo circa due ore in Ponterosso. Un’altra passeggiata (con percorso diverso che toccherà anche il Narodni dom, dove lo Slovenski klub ha da poco allestito una mostra permanente) è prevista sabato 18 febbraio con partenza alle 15.30 da Piazza Libertà (dinanzi alla statua di Sissi).

Giovedì 16 febbraio alle ore 18.00 presso la libreria Ubik ci sarà la presentazione della nuova raccolta poetica bilingue del triestino Marko Kravos, Zlato ustje – L’oro in bocca, da poco in libreria per i tipi dell’editore Beit nella traduzione di Darja Betocchi. Il poeta, grazie alle varie traduzioni da tempo apprezzato anche dai lettori italiani, si presenta con una snella silloge composta da una cinquantina di brevi testi oscillanti tra tipica (auto)ironia kravosiana e note più raccolte e dolenti.

Al cinema Ariston mercoledì 22 febbraio la proiezione del film Komedija solz (La commedia delle lacrime) girato a Trieste dal regista e scrittore triestino Marko Sosič. Proiezione, alla presenza dell’autore, in lingua originale con sottotitoli italiani (in collaborazione con La Cappella Underground e Alpe Adria Cinema – Trieste Film Festival).

E per finire un po’ di storia: giovedì 23 febbraio alle 18.30 alla libreria slovena TKS – Centro triestino del libro in Piazza Oberdan 7 la tavola rotonda La storiografia slovena in Italia (in collaborazione con l’Agenzia pubblica per il libro della Repubblica di Slovenia – JAKRS). Intervengono Jože Pirjevec, Darko Darovec, Borut Klabjan e Tatjana Rojc, modera Gorazd Bajc.

Comments closed

Srečko Kosovel. Tra Carso e Caos. Pre/sentimenti

– Kateri je naslednji dogodek na koledarju Slovenskega kluba?
– Predstavitev pesniške zbirke SREČKO KOSOVEL, TRA CARSO E CAOS.
– Zanimivo. Kdaj?
– V soboto, 19. novembra, ob 18.30.
– Kje?
– V Ljudskem domu na Pončani (Ul. Ponziana 14).
– Kdo pa bo knjigo predstavil?
– Urednici Poljanka Dolhar in Darja Betocchi, ki je poskrbela tudi za nove prevode Kosovelovih pesmi, ter umetnik Franco Vecchiet, ki bo spregovoril o konstruktivističnih kompozicijah tržaškega slikarja Eduarda Stepančiča.
– V redu, ampak kdo to prireja?
– Društvo Tina Modotti, založba Comunicarte in Slovenski klub.
– Zmenjeno, pridem.
– Super, jaz tudi, se vidimo tam.

Layout 1

– Qual è il prossimo incontro dello Slovenski klub?
– La presentazione della raccolta di poesie SREČKO KOSOVEL, TRA CARSO E CAOS.
– Interessante. Quando?
– Sabato 19 novembre alle 18.30.
– Dove?
– Alla Casa del Popolo di Ponziana, in via Ponziana 14.
– Chi presenterà il libro?
– Le curatrici Poljanka Dolhar e Darja Betocchi, che ha anche tradotto le poesie di Kosovel. Poi ci sarà l’artista Franco Vecchiet che parlerà delle composizioni costruttiviste dell’artista triestino Eduard Stepančič.
– Va bene, ma chi è l’organizzatore della serata?
– L’associazione Tina Modotti insieme a Comunicarte Edizioni e lo Slovenski klub.
– Ok, verrò.
– Perfetto, anch’io, ci vediamo lì. 

Comments closed