Skip to content

Tag: Mesec slovenske kulture

Inizia il MESE DELLA CULTURA SLOVENA 2019: proiezione del documentario Il dilemma dell’identità

A Trieste ciclo di incontri dedicati alla divulgazione della cultura slovena

Offrire alla comunità di Trieste la possibilità di avvicinarsi alla cultura slovena e conoscere una delle anime della città È questo lo scopo della rassegna La cultura torna al centro: il mese della cultura slovena in città, organizzata anche quest’anno dall’associazione cittadina Slovenski klub in collaborazione con alcuni partner: in programma proiezioni di film, visite guidate e presentazioni di libri.

La scelta di organizzare la rassegna a febbraio non è casuale: l’8 febbraio si festeggia la Giornata della cultura slovena, festa nazionale in Slovenia in onore del poeta France Prešeren (1800-1848). In occasione di questa giornata vengono consegnati a Lubiana i prestigiosi Premi Prešeren – il maggiore riconoscimento sloveno in ambito culturale, mentre in molte realtà slovene del Friuli Venezia Giulia si organizzano piccoli e grandi eventi culturali.

Si inizia giovedí 31 gennaio alle ore 19 al Teatro stabile sloveno – Kulturni dom di Via Petronio 4 con la proiezione del film IL DILEMMA DELL’IDENTITÀ della regista triestina Sabrina Morena.

MV5BYzUxYjhmY2UtMWEwYS00MjQyLTg0MTctYjYyMDU2ZTI4YWQxXkEyXkFqcGdeQXVyOTQyMTcwMDI@._V1_SY1000_CR007271000_AL_

Cinque attrici e la loro regista preparano uno spettacolo teatrale in cui mettono in scena i destini emblematici di cinque donne delle nostre terre che hanno vissuto a cavallo della prima guerra mondiale, andando in cerca delle loro tracce e ricostruendo sul palcoscenico le emozioni e i sentimenti espressi nei loro diari, lettere e saggi. Tra loro anche Pavla Hočevar, nata a Vienna, ma dal 1910 insegnante nelle scuole slovene della Società Cirillo e Metodio di Trieste, e Marica Nadlišek Bartol, triestina, scrittrice, giornalista e redattrice del primo settimanale femminile Slovenka. Le altre donne portate sul grande schermo dalla regista Sabrina Morena sono l’attivista socialista Giuseppina Martinuzzi, la fotografa e giornalista Alice Schalek e la scrittrice Elody Oblath. Ad interpretarle un cast italo-sloveno composto da Ariella Reggio, Lučka Počkaj, Giustina Testa, Elena Husu, Marzia Postogna.

Alla proiezione saranno presenti la regista e alcune interpreti.

Ingresso 6€ (con la possibilità di acquistare al prezzo di 20€ l’abbonamento per 4 serate di cinema sloveno in programma al Teatro stabile sloveno da qui ad aprile – per maggiori informazioni www.teaterssg.it)

Comments closed

[S]confinati / [Ne]omejeni

[S]confinati / [Ne]omejeni
italiani sloveni e sloveni italiani a Trieste (e dintorni)
italijanski Slovenci in slovenski Italijani v Trstu (in okolici)

«Gli sloveni di confine sono gli sloveni italiani che vivono sul confine. Questo sono io: un uomo di confine! Il confine è una cosa che non possiamo attraversare. Oppure sì. Il confine è un muro, un filo spinato. (Ma fammi il piacere, Slovenia.) Il confine è sociale, è nelle nostre teste. Ecco dove nascono gli stereotipi.» Leo Černic, dal film Zamejen / Confinato

È proprio di identità, lingue, (multi)culturalismo e dei rapporti tra italiani e sloveni che parleremo sabato 24 febbraio al Ridottino del Teatro Miela all’ultimo appuntamento del Mese della cultura slovena.

L’incontro, organizzato da Cizerouno e dallo Slovenski klub, inizierà alle 18.00 con la proiezione di Zamejen / Confinato (20 min, sott. ita), film d’esordio del giovane regista Leo Černic. Seguirà un dibattito a più voci sui temi delle . Al dibattito, moderato da Poljanka Dolhar, parteciperanno la professoressa e traduttrice Darja Betocchi, il regista Leo Černic, l’esperto di comunicazione Enrico Maria Milič e il professore Luigi Pulvirenti. I primi tre parlano lo sloveno dalla nascita, gli altri due invece si sono avvicinati alla lingua slovena in età adulta…

28059001_2128590510490233_3615356127486703220_n

»Zamejski Slovenci so italijanski Slovenci, ki živijo ob meji. To sem jaz. Zamejc. Meja je stvar, preko katere ne moremo čez. Ali ja. Meja je zid, bodeča žica. (Khm, lepo prosim, Slovenija.) Meja je družbena, v glavi. Iz tega sledijo stereotipi.« Leo Černic, iz filma Zamejen / Confinato

O identitetah, jezikih, (multi)kulturnosti in odnosih med Italijani in Slovenci bo tekla beseda v soboto, 24. februarja, v mali dvorani Gledališča Miela na zadnjem dogodku Meseca slovenske kulture.

Srečanje, ki ga prirejata Slovenski klub in Cizerouno, se bo začelo ob 18. uri s projekcijo filma Zamejen / Confinato (20 min, ita podnapisi), prvega filma mladega režiserja Lea Černica. Sledil bo pogovor, ki ga bo moderirala Poljanka Dolhar, oblikovali pa ga bodo profesorica in prevajalka Darja Betocchi, režiser Leo Černic, strokovnjak za komunikacije Enrico Maria Milič in profesor Luigi Pulvirenti. Prvi trije slovenščino obvladajo od rojstva, zadnja dva pa sta se ji približala v odraslosti …

 

Comments closed

Mese della cultura slovena: 2 nuovi eventi / Mesec slovenske kulture: 2 dogodka

Prosegue il Mese della cultura slovena, promosso dallo Slovenski klub in collaborazione con il Gruppo/Skupina 85. Al Palazzo delle Poste di Piazza Vittorio Veneto è visitabile fino al 28 febbraio la mostra LE TRIESTINE SLOVENE / TRŽAŠKE SLOVENKE, uno sguardo su 11 donne che hanno contribuito alla crescita della nostra città. Nello Spazio filatelia è disponibile un annullo postale bilingue creato appositamente per l’occasione.

Primož Trubar
Primož Trubar

Sabato 17 febbraio 2018 sarà la volta della passeggiata storico-letteraria LE STRADE DI PRIMOŽ TRUBAR. I partecipanti, accompagnati dalla prof.ssa Marta Ivašič, seguiranno le orme di colui che è considerato il padre della lingua slovena, Primož Trubar (1508-1586), che ha trascorso alcuni periodi della sua vita a Trieste. Ritrovo alle ore 15 presso la fontana di Piazza della Borsa; da qui l’itinerario proseguirà per Cittàvecchia fino a San Giusto, per poi far ritorno in centro. Durata: 2 ore circa.

 

Domenica 18 febbraio è in programma un incontro tra due autori triestini – la scrittrice SILVIA ZETTO CASSANO e lo scrittore MARKO SOSIČ (entrambi editi da Comunicarte edizioni). L’evento è inserito nella rassegna A PRANZO TRA I LIBRI curata dalla cooperativa sociale La Collina e dall’Associazione culturale Il Ponte rosso. Inizio alle 10.30 al Posto delle Fragole (via de Pastrovich 4, Parco di San Giovanni). La conversazione, alla quale parteciperà anche l’editore Massimiliano Schiozzi, sarà stimolata da Walter Chiereghin, direttore della rivista web Il ponte rosso. Al termine sarà possibile fermarsi a pranzare assieme agli autori (per informazioni e prenotazioni: 040 578777)

Foto: Agnese Divo
Foto: Agnese Divo

Silvia Zetto Cassano è nata a Capodistria/Koper nel 1945. A 10 anni ha lasciato l’Istria per trasferirisi con la famiglia a Trieste. Con il suo libro di „storie istriane“ Foresti ha vinto il Premio Matteotti 2017.

 

← Marko Sosič è nato a Trieste/Trst nel 1958. Scrittore, regista teatrale e cinematografico, è autore di romanzi di successo, tradotti in molte lingue. Tra questi: Balerina, Balerina, Tito amor mijo, Ki od daleč prihajaš v mojo bližino.

 

∼∼∼

V Poštni palači na Trgu Vittorio Veneto si je mogoče do 28. februarja ogledati razstavo TRŽAŠKE SLOVENKE, vpogled v življenje 11 žensk, ki so pripomogle k rasti našega mesta. V filatelističnem uradu je na voljo tudi priložnostni dvojezični žig.

MESEC SLOVENSKE KULTURE, ki ga Slovenski klub prireja v sodelovanju s Skupino/Gruppo 85, pa se v soboto, 17. februarja 2018, nadaljuje s sprehodom PO POTEH PRIMOŽA TRUBARJA v družbi prof. Marte Ivašič. Zbirališče ob 15. uri pri vodometu na Borznem trgu, od koder bo pot vodila po sledeh, ki jih je oče slovenske pisane besede pustil v Starem mestu, pri Sv. Justu in še kje. Sprehod traja približno 2 uri.

Dan zatem, v nedeljo, 18. februarja, bo ob 10.30 na sporedu pogovor s pisateljico SILVIO ZETTO CASSANO in pisateljem MARKOM SOSIČEM. Dogodek spada v niz NA KOSILU MED KNJIGAMI, ki ga prirejata zadruga La Collina in KD Il Ponte rosso. Pri pogovoru, ki bo potekal v Posto delle Fragole (Ul. de Pastrovich 4 – Park pri Sv. Ivanu), bo sodeloval tudi predstavnik založbe Comunicarte Massimiliano Schiozzi, vodil pa ga bo Walter Chiereghin, urednik spletne revije Il Ponte rosso. Kdor želi, se lahko po dogodku udeleži kosila z avtorjema (za informacije in rezervacije 040 578777)

IMG_2188← Silvia Zetto Cassano se je rodila v Kopru/Capodistria leta 1945. Ko je bila stara 10 let, je njena družina zapustila Istro in se preselila v Trst. Njena knjiga »istrskih zgodb« Foresti je osvojila nagrado Matteotti 2017.

Marko Sosič se je rodil v Trstu/Trieste leta 1958. Pisatelj, gledališki in filmski režiser, je avtor uspešnih romanov, ki so bili prevedeni v številne jezike: Balerina, Balerina, Tito amor mijo, Ki od daleč prihajaš v mojo bližino idr.

Comments closed

Tržaške Slovenke … na pošti – razstava / Le triestine slovene – mostra

Marica Nadlišek Bartol, Nora Jankovič, Zora Perello, Barbara Gruden, Lidija Kozlovič,  Tamara Blažina, Marta Verginella in Tanja Romano so samo nekatera izmed imen Slovenk, ki so se vkovala v tržaško zgodovino. Uveljavile so se na najrazličnejših področjih: od kuharstva do novinarstva, od inženirstva do športa, od zgodovinopisja, literarne zgodovine in književnosti do glasbe, od gledališča pa vse do politike in antifašističnega boja.

Razstavo Tržaške Slovenke sta pripravili NŠK in ZSKD ob 70-letnici ustanovitve knjižnice in 120-letnici začetka izhajanja Slovenke, prve slovenske ženske revije. Duša te revije in njena prva urednica je bila Marica Nadlišek, ena izmed protagonistk razstave, ki bo ob 17.30 na glavni pošti v Trstu (Trg Vittorio Veneto 1) v ponedeljek, 5. februarja 2018. Z razstavo so želeli opozoriti na nekatere izmed žensk, ki so vsaka na svoj način poskušale izboljšati okolje, v katerem so živele ali pa še živijo, in so pripomogle k prepoznavnosti svoje skupnosti na Tržaškem in tudi širše. Fotografijam in življenjepisom v slovenščini in italijanščini je dodana tudi kratka misel, značilna za njihovo poklicno ali osebno življenje.

Tržaške Slovenke so prvič predstavili na na Slofestu, prazniku Slovencev v Italiji, ki je septembra 2017 že tretjič zaživel v središču mesta. Razstavo si je v prestižnem atriju Borzne palače v Trstu ogledalo veliko obiskovalcev in je požela lep uspeh, zato smo si pri Slovenskem klubu zaželeli, da bi v sklopu meseca slovenske kulture še širši krog someščanov imel priložnost, da se seznani s temi navdihujočimi osebnostmi. Zato smo jo odločili v sodelovanju z NŠK in ZSKD postaviti na nekonvencionalno, a zanimivo lokacijo – v atrij glavne tržaške pošte.
Na voljo bodo tudi priložnostni žig in razglednice.

vabilo

Foto: www.scopritrieste.com

Marica Nadlišek Bartol, Nora Jankovič, Zora Perello, Barbara Gruden, Lidija Kozlovič,  Tamara Blažina, Marta Verginella e Tanja Romano sono solo alcuni dei nomi di triestine slovene che si sono impresse nella storia di Trieste. Provengono dagli ambiti più disparati: dalla cucina al giornalismo, dall’ingegneria allo sport, dalla storiografia alla storia della letteratura, passando per la letteratura stessa. Ma anche alla musica, al teatro… fino alla politica e alla lotta antifascista. Le loro biografie (bilingui) corredate da fotografie verranno presentate lunedì 5 febbraio alle 17.30 nell’atrio del Palazzo delle Poste (piazza Vittorio Veneto 1) nell’ambito del mese della cultura slovena.

La mostra Le triestine slovene è stata allestita dalla Biblioteca nazionale slovena e degli studi di Trieste (1947) in collaborazione con l’Unione dei circoli culturali sloveni in occasione del 70° anniversario della fondazione della biblioteca.  La  mostra è stata dedicata  alle triestine slovene partendo da due avvenimenti importanti: 150 anni fa infatti nasceva a Trieste Marica Nadlišek, maestra, scrittrice e pubblicista che nel 1897 fondò proprio a Trieste la prima rivista femminile slovena Slovenka, attorno alla quale si raccolse a cavallo del secolo una prima generazione di intellettuali slovene attive nella vita pubblica. Non fu un caso che la rivista vide la luce proprio a Trieste, all’epoca anche un vivace centro culturale e politico, oltre che economico, con una consistente comunità slovena. Protagoniste di quel fervore furono numerose donne che hanno dato e comunque continuano a dare un notevole contributo alla crescita della nostra città e non solo. La mostra pone l’attenzione su alcune di loro, ma sicuramente ci sono ancora molte che meriterebbero di entrar a far parte della memoria collettiva.
Saranno a disposizione delle cartoline e un annullo postale creati appositamente per l’occasione.

Comments closed

Febbraio: il mese della cultura slovena

Programma nuovo, missione invariata: offrire alla comunità triestina la possibilità di scoprire l’anima slovena di una città multiculturale e multietnica come Trieste. Ritorna anche quest’anno la IV edizione della rassegna La cultura torna al centro: il mese della cultura slovena in città, coorganizzata con il Gruppo/Skupina 85. Una serie di incontri, dibattiti, visite guidate (tutti in italiano) per omaggiare la cultura slovena e avvicinarla alla città.

MeseCultSlo2017ITA

Ma perché proprio febbraio? Questo è il mese della cultura slovena per eccellenza: l’8 febbraio si festeggia la Giornata della cultura slovena, festa nazionale in Slovenia in onore del poeta France Prešeren (1800-1848), autore dell’inno sloveno. In occasione di questa giornata a Lubiana vengono consegnati i prestigiosi Premi Prešeren – il maggiore riconoscimento sloveno in ambito culturale, mentre in molte realtà slovene del Friuli Venezia Giulia si organizzano piccoli e grandi eventi culturali.

E proprio il poeta triestino Miroslav Košuta, insignito nel 2011 del premio Prešeren, sarà tra i protagonisti del primo evento in programma sabato 11 febbraio alle 18.30 alla Casa del Popolo di via Ponziana 14. Una serata dal titolo Questa Trieste è come una fede immortale (da un famoso verso dello stesso Košuta) e all’insegna della poesia slovena, con letture in lingua originale e in traduzione italiana. Il tutto intermezzato da canti popolari sloveni eseguiti da un gruppo di giovani violinisti. L’evento è organizzato in collaborazione con l’Associazione culturale Tina Modotti e la scuola di musica Glasbena matica.

Il giorno seguente, domenica 12 febbraio, sarà la volta di una visita guidata alla scoperta della Trieste slovena e multietnica. Partenza alle 10.30 dalla cattedrale di San Giusto per intraprendere il percorso storico-artistico-letterario Trieste duale, Trieste plurale, lungo il quale Patrizia Vascotto porterà a scoprire alcuni luoghi cari alla comunità slovena. Una passeggiata che terminerà dopo circa due ore in Ponterosso. Un’altra passeggiata (con percorso diverso che toccherà anche il Narodni dom, dove lo Slovenski klub ha da poco allestito una mostra permanente) è prevista sabato 18 febbraio con partenza alle 15.30 da Piazza Libertà (dinanzi alla statua di Sissi).

Giovedì 16 febbraio alle ore 18.00 presso la libreria Ubik ci sarà la presentazione della nuova raccolta poetica bilingue del triestino Marko Kravos, Zlato ustje – L’oro in bocca, da poco in libreria per i tipi dell’editore Beit nella traduzione di Darja Betocchi. Il poeta, grazie alle varie traduzioni da tempo apprezzato anche dai lettori italiani, si presenta con una snella silloge composta da una cinquantina di brevi testi oscillanti tra tipica (auto)ironia kravosiana e note più raccolte e dolenti.

Al cinema Ariston mercoledì 22 febbraio la proiezione del film Komedija solz (La commedia delle lacrime) girato a Trieste dal regista e scrittore triestino Marko Sosič. Proiezione, alla presenza dell’autore, in lingua originale con sottotitoli italiani (in collaborazione con La Cappella Underground e Alpe Adria Cinema – Trieste Film Festival).

E per finire un po’ di storia: giovedì 23 febbraio alle 18.30 alla libreria slovena TKS – Centro triestino del libro in Piazza Oberdan 7 la tavola rotonda La storiografia slovena in Italia (in collaborazione con l’Agenzia pubblica per il libro della Repubblica di Slovenia – JAKRS). Intervengono Jože Pirjevec, Darko Darovec, Borut Klabjan e Tatjana Rojc, modera Gorazd Bajc.

Comments closed